Terapia iperidrosi ascellare   

INFORMAZIONI MEDICHE SULL'ECCESSO DI SUDORE e SULL'ARROSSIRE SENZA MOTIVO  fornite dal Dott. Marcello Costa Angeli - Chirurgo Toracico - Dirigente Medico con incarico professionale di eccellente specializzazione per la patologia del sistema nervoso simpatico  Unità Operativa di Chirurgia Toracica  - Ospedale San Gerardo  - Monza

Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi

 

wpe5.jpg (5216 bytes)

 

 

 

Su

 

 

 

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

 

 

TERAPIA DELL'IPERIDROSI ASCELLARE  ISOLATA O PREVALENTE

Diverse sono le proposte terapeutiche dell'iperidrosi ascellare. Possiamo dividerle in mediche e chirurgiche. La scelta tra queste è certamente scelta personale ma ci sono notevoli differenze di certezza di risultato tra i diversi approcci.

Terapie

  •  Trattamento Medico locale con pomate, roll-on spray
    • Contenenti alluminio almeno al 20 % ( Hydrostop )
    • Contenenti metimanile metilsolfato ( Prantal )
    • Contenenti metenamide ( Antihydral )
    • Termoablazione con microonde ( miraDray )
    • Trattamento con iniezioni locale di Tossina Botulinica ( Botox)
  •  Trattamento Chirurgico
    • Simpaticectomia videotoracoscopica o gangliectomia o simpaticofrassi
    • Laserterapia
    • Ablazione chirurgica del tessuto sottocutaneo
    • Liposuzione
  • Dico subito che il trattamento chirurgico con laserterapia, liposuzione e ablazione del tessuto sottocutaneo personalmente lo sconsiglio in quanto i risultati da me osservati non sono stati fino ad ora soddisfacenti.

  •  Dico anche che il trattamento con intervento di simpaticofrassi o simpaticectomia o gangliectomia è spesso risolutivo ma nella iperidrosi ascellare isolata predispone ad una sudorazione compensatoria che può essere peggiore della stessa sudorazione ascellare che così si è voluta trattare. Per cui avendone avuto esperienza notevole sconsiglio questo approccio di prima istanza versi trattamenti ugualmente risolutivi ma con minor sequele, rischi e complicanze.

  •  Dico che i trattamenti con preparati farmaceutici da applicare localmente se contengono alluminio pur se potenzialmente efficaci io li sconsiglio perchè l'assorbimento dell'alluminio può produrre seri danni ed è stato segnalato come metallo cancerogenico per la mammella e le neoplasie del sangue.

  •  Dico che i trattamenti con l'anticolinergico metinamile metilsofato non sempre sono efficaci.

  •  Dico che i trattamenti con metenamide liberano formaldeide che è un prodotto ritenuto cancerogeno 

  •  Dico che il trattamento con Tossina Botulinica ( Botox) è forse oggi la scelta migliore in quanto con i risultati certi più duraturi e con i minori effetti collaterali e i minori rischi per il trattamento dell'iperidrosi ascellare.

Infine è ancora da valutare il trattamento con microonde che dal 2011 è stato proposto in USA con l'apparecchio miraDray che i report clinici ad ora diffusi danno una discreta efficacia nelle forme di iperidrosi ascellare lieve e moderata. Sono in genere necessarie due sedute a distanza di ca tre mesi per ottenere la quasi anidrosi ascellare. Il metodo consiste nella ablazione termica della fascia di tessuto sottocutaneo contenente le ghiandole eccrine per riscaldamento a 60° con una sonda che produce le microonde e che protegge contemporaneamente gli stati cutanei soprastanti per refrigerazione forzata. Il trattamento si effettua in anestesia locale e sembra abbia costi di ca 3.000 dollari a seduta. Non ne conosco la disponibilità in Italia.

Data  ultimo aggiornamento della pagina :19/08/2018

 

 

 

 

 

 

Home

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

Potete inviare a mangeli@yahoo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14/15/16/17/18 - Dott. Marcello Costa Angeli - H. San Gerardo - Monza - Tel. 039 233.3566
Ultimo aggiornamento web in data :
sabato 20 ottobre 2018
Home Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi