Riassunto terapie Iperidrosi   

INFORMAZIONI MEDICHE SULL'ECCESSO DI SUDORE e SULL'ARROSSIRE SENZA MOTIVO  fornite dal Dott. Marcello Costa Angeli - Chirurgo Toracico - Dirigente Medico con incarico professionale di eccellente specializzazione per la patologia del sistema nervoso simpatico  Unità Operativa di Chirurgia Toracica  - Ospedale San Gerardo  - Monza

Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi

 

wpe5.jpg (5216 bytes)

 

 

 

Su
L'uso del Botox
Ionoforesi
Terapia iperidrosi ascellare
Iperidrosi e Terapie alternative
Training Autogeno

 

 

 

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

 

 

LE DIVERSE TERAPIE POSSIBILI per l' IPERIDROSI

Oggi la terapia è un  vestito che si confeziona su misura sul paziente. Non esiste un caso identico  agli altri. Le sfumature tra le persone sono  in questo campo fondamentali per ottenere il risultato desiderato, senza andare incontro ad effetti collaterali o complicanze. Per cui spesso le terapie sono combinazioni di diverse azioni.  

Il successo e la soddisfazione del paziente è  strettamente connesso all'esperienza del professionista che deve essere in grado di comprendere il caso e con la sua esperienza, per  trattarlo in modo personalizzato

Perchè NON SIAMO UGUALI.... MAI !! ... e si nasce già diversi. Valutazione e rispetto della naturale diversità è la base del successo di chi tratta questo problema.

Quanto sopra per richiamare che una terapia autogestita facilmente porta fallimento, così come una terapia gestita da chi si improvvisa esperto e poi non lo è.

 

Iperidrosi ascellare isolata

Antitraspiranti -si può provare... ma se non è una forma molto lieve in genere non funzionano . Quelli a base di alluminio li sconsiglio vivamente !!!!  ... l'alluminio che si accumula è tossico !!... l'acido cloridrico che libera la soluzione è irritante.

- Ionoforesi - si può provare ma in genere nella forma ascellare è di difficile esecuzione per cui non efficace

- Tossina botulinica  - è la prima cura e  quindi da effettuare in prima istanza 

- Simpaticofrassi  endoscopica toracica  - solo dopo l'uso della tossina, e se non funziona,  o non è possibile la sua effettuazione

Iperidrosi facciale isolata

-  Tossina botulinica - è la prima cura valida se la forma è a sede frontale.

Se la forma prende anche il viso, la nuca ed il cuoio capelluto non si può effettuare.

- Simpaticofrassi ("clamping") endoscopica toracica intergangliare a livello T2/T3 se la tossina non è indicata

Iperidrosi palmare isolata o combinata con l' ascellare

hand sweat

 

 

- Ionoforesi - si può provare. Se è efficace e piace come metodo di terapia e si riesce ad essere costanti è una scelta valida.

- Simpaticofrassi endoscopica toracica :

E' la scelta migliore se il chirurgo è <esperto di questa patologia> riconosce fattibile l'intervento per la tipologia di sudorazione che il paziente presenta.

Deve avere l'esperienza per valutare prospetticamente il <riflesso compensatorio>, diverso da soggetto a soggetto; e questo richiede moltissima esperienza medica di questa specifica patologia.

E' la cura definitiva.

 

 

Iperidrosi plantare...é  la forma più difficile da trattare.

La chirurgia del simpatico è utile ma pochi centri la attuano e solo in attività privata.

Il costo dell'intervento non è eccessivo ma non è alla portata di tutti.

Nel sesso maschile è fortemente limitata dall'insorgenza di una eiaculazione retrograda per cui è più facile che venga proposta per le donne.

La cute dei piedi ha uno strato corneo molto spesso per cui le creme in genere non funzionano.. Non posso consigliare l'uso della tossina ( che però può essere anche tentata da sola o in combinazione ) per le alte dosi necessarie (400 UI per piede ) e per il suo alto costo e dolorosità della metodica.

La ionoforesi-  si può provare . Molti pazienti la trovano utile. In questi casi è un ottimo rimedio. Purtroppo non su tutti funziona.

 

ANTI-TRASPIRANTI  La sostanza più efficace appare essere il cloruro di alluminio. Questo è il componente principale di prodotti commerciali come l'HYDROSTOP, o L'ODABAN, o il PERSPIREX in grado di alleviare il problema nelle ascelle se l'ipersudorazione non è troppo eccessiva. L'attività dei sali metallici si produce per ostruzione dei pori sudoripari a seguito della coniugazione in sale insolubile con la cheratina (proteina locale). Attenzione che il cloruro di alluminio può causare reazioni irritative della cute. Il trattamento deve essere ripetuto regolarmente e per tutta la vita !!! Il sale si applica  di norma alla sera due volte la settimana su pelle secca, e va rimosso al mattino per evitare sensibilizzazione. E' efficace a volte nella sudorazione ascellare ma poco o nulla efficace in quella palmo/plantare, dove può essere più efficace se veicolato da un gel salicilico per l'attività di trasporto del salicilico attraverso la cute più spessa ( vedi in fondo alla pagina ). Altre sostanze come la glutaraldeide o la tannina vengono impiegate di rado, in quanto causano una colorazione brunastra della pelle e dei vestiti

 

IONOFORESI  La ionoforesi è una tecnica che consiste nell' applicare una corrente continua di bassa intensità tramite un generatore alle palme o alle piante dei piedi immerse in una soluzione elettrolitica, progressivamente aumentata sino al massimale di 20 milliampere. La corrente ottura i condotti delle ghiandole sudoripare per un certo periodo di tempo per il tramite anche di una coagulazione proteica locale. Il trattamento deve essere ripetuto regolarmente, inizialmente più volte alla settimana per una durata di 20-30'.  Di solito si procede per tre sedute settimanali nel primo mese e poi si riduce con ripetuti trattamenti secondo le necessità personali.  E'  terapia che viene effettuata per tutta la vita. I risultati variano:  alcuni pazienti che soffrono di iperidrosi lieve o moderata risultano soddisfatti da questo trattamento, mentre altri lo considerano inefficace e relativamente costoso. È difficile adottarlo in caso di iperidrosi ascellare, e non è applicabile in pazienti con iperidrosi del tronco o generalizzata. Sono controindicazioni:Gravidanza/Pace Macher/Ferite -Precauzioni: Rimozione preventiva oggetti metallici /Protezione delle ev. escoriazioni cutanee con vaselina

 

FARMACI  Non esistono farmaci specifici contro la sudorazione. Spesso vengono somministrati farmaci psicotropi (specialmente sedativi e/o anticolinergici), ma per i dosaggi richiesti per raggiungere un effetto accettabile contro l' iperidrosi gli effetti collaterali diventano generalmente insopportabili.  Per questa ragione non possono essere raccomandati nella maggioranza dei casi. Nei pochi pazienti che soffrono di ipersudorazione del tronco o generalizzata, per i quali non sono disponibili altri metodi di terapia, una leggera dose di anticolinergici può diminuire leggermente la sudorazione senza rendere la vita insopportabile a causa degli effetti collaterali (secchezza delle fauci, difficoltà di accomodamento della lente oculare).

 

PSICOTERAPIA  I risultati di un approccio psicoterapeutico sono in genere scarsi. Infatti, i problemi psicologici e psicosociali di questi pazienti sono quasi sempre una conseguenza del disturbo, non la causa. Per questa ragione una terapia psichiatrica o psicofarmacologica non può curare questo disturbo; al massimo è in grado di aiutare il paziente ad accettare di conviverci. In casi selezionati, metodiche di bio-feedback possono portare a un certo miglioramento.

 

TOSSINA BOTULINICA - La tossina del batterio Clostridium botulinum è in grado di bloccare la secrezione del sudore da parte della ghiandola sudoripara. Tale effetto viene determinato dalla inibizione del rilascio di un neurotrasmettitore, l'acetilcolina, dalle terminazioni nervose pre-sinaptiche, con conseguente arresto dell'impulso nervoso responsabile della stimolazione della ghiandola sudoripara. Solo dopo svariati mesi, (ca 3/5) le terminazioni nervose riacquistano la capacità di rilasciare nuovamente l'acetilcolina con graduale ripresa della sudorazione. La terapia consiste nella effettuazione di molteplici iniezioni subdermiche, con minime quantità di tossina, in modo da coprire uniformemente la superficie interessata dall'eccessiva sudorazione. L'effetto inibitorio perdura per ca. 3-5 mesi; in seguito la sudorazione si ripresenterà, all'inizio in modo lieve, aumentando poi molto lentamente. In molti casi anche dopo un anno non viene raggiunto il livello di iperidrosi iniziale. Pertanto per la maggioranza dei pazienti sono sufficienti  due  trattamenti annuali, da ripetersi in genere preferibilmente prima della stagione estiva. Una piccola percentuale dei casi trattati (ca. 5-10%) non risponde a tale terapia, presumibilmente a causa della presenza di elevati titoli anticorpali contro la tossina. In qualche caso di non-responder una ripetizione del trattamento con dosaggi più elevati può ottenere l'effetto sperato. Il maggiore pregio di questo metodo consiste nella quasi totale assenza di una sudorazione compensatoria rilevante. Eventuali altri effetti collaterali sono a carattere transitorio, ma molto fastidiosi:

  •      Dolore locale / Parestesie / Ipostenia /Riduzione dei movimenti fini delle dita delle mani /Visione offuscata /Abbagliamento /ecc. ecc.

Svantaggi della metodica con la Tossina:  costo molto elevato della sostanza - risultato non definitivo  - trattamento molto doloroso a livello di mani e piedi in mancanza di anestesia adeguata - transitoria ipostenia della muscolatura della mano con ripercussione sui movimenti fini che a volte può produrre una forma di ipostenia stabile. ( tale terapia a mio giudizio non è indicata per la forma delle mani ma  è di prima scelta per la forma ascellare isolata !! dato che non da in tale sede gli effetti collaterali sopra-descritti )

 

ALTRE TERAPIE

  •     Medicina alternativa Da molti pazienti sono stati provati metodi di medicina alternativa comprendenti omeopatia, massaggi, agopuntura e fitoterapia. Nell' esperienza dell' autore, i risultati di questi trattamenti sono quasi sempre stati deludenti, oltre al costo spesso sproporzionato addebitato ai pazienti.

  •  Ipnosi Trattamento difficilmente valutabile in quanto manca una casistica specifica. Quei pochi pazienti che hanno provato questo metodo per poi sottoporsi ad un intervento chirurgico di simpatectomia, hanno riferito un effetto praticamente nullo.

 

CHIRURGIA >>> VEDI LE PAGINE  !!

 

Data  ultimo aggiornamento della pagina :21/10/2018

 

 

 

 

 

 

Home L'uso del Botox Ionoforesi Terapia iperidrosi ascellare Iperidrosi e Terapie alternative Training Autogeno

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

Potete inviare a mangeli@yahoo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14/15/16/17/18 - Dott. Marcello Costa Angeli - H. San Gerardo - Monza - Tel. 039 233.3566
Ultimo aggiornamento web in data :
sabato 20 ottobre 2018
Home Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi