Bilancio idrico nell'uomo   

INFORMAZIONI MEDICHE SULL'ECCESSO DI SUDORE e SULL'ARROSSIRE SENZA MOTIVO  fornite dal Dott. Marcello Costa Angeli - Chirurgo Toracico - Dirigente Medico con incarico professionale di eccellente specializzazione per la patologia del sistema nervoso simpatico  Unità Operativa di Chirurgia Toracica  - Ospedale San Gerardo  - Monza

Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi

 

wpe5.jpg (5216 bytes)

 

 

 

Su

 

 

 

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

 

 

ATTIVITà FISICA E INTEGRAZIONE IDROSALINA

 

L'acqua costituisce circa il 60% del peso corporeo di un adulto, più precisamente:

 

 

 

 

- bambini 65-75%

- giovani adulti 63%

- donne adulte 52%

- uomini anziani 52%       

- donne anziane 46%

  Principali funzioni biologiche svolte dall’acqua

- Trasporto di sostanze nutritive

- Partecipazione alle reazioni metaboliche

- Partecipazione alla regolazione della temperatura corporea

- Eliminazione di urea e corpi chetonici nelle diete ipocaloriche

Valori medi in mOsm/l per l’osmolarità ed in mEq/l per gli altri valori.

Composizione di ioni minerali del sudore e del plasma

 

Sudore da esercizio

Plasma

Osm

80-100

300

Sodio (Na+)

60

140

Cloro (Cl-)

50

105

Potassio (K+)

6-8

4,5

Magnesio (Mg++)

1-2

1,5

Calcio (Ca++)

3

3

 

  •     La presenza ottimale di acqua è di vitale importanza per lo svolgimento delle funzioni cellulari e per la termoregolazione corporea.  I 2/3 di acqua del corpo sono contenuti negli spazi intracellulari e 1/3 in quelli extracellulari.

  •     Questi ultimi comprendono anche il plasma sanguigno (5% del peso corporeo), liquido interstiziale e linfa. Disciolti nei liquidi corporei si trovano i minerali. Nelle cellule prevalgono ioni potassio, magnesio e fosforo. Nel plasma e nell’interstizio ioni sodio, cloruri e bicarbonato. Potassio magnesio, sodio, calcio e fosfato hanno un ruolo fondamentale per i processi metabolici, l’equilibrio cellulare (omeostasi), la contrazione dei muscoli e la conducibilità del sistema nervoso.

  •     I grassi contengono insignificanti quantità di acqua, quindi, l’aumento del peso corporeo (grasso) comporta percentualmente anche una minore percentuale di acqua. I muscoli, invece, ne contengono circa il 77%, pertanto gli atleti con buona muscolatura hanno una maggiore percentuale di acqua.

  •     L'organismo si regola automaticamente al fine di garantirsi il giusto apporto idrico.

  •     Se l'acqua è presente in eccesso viene smaltita attraverso la sudorazione, le urine e le feci.

  •     Se è in difetto viene reintegrata attraverso l'acqua bevuta e quella contenuta negli alimenti.

  •     Nelle 24 ore il ricambio idrico è di circa 2-2,5 litri: acqua proveniente dalle bevande (circa il 50%) e il resto acqua contenuta nei cibi e derivante dai processi di ossidazione degli alimenti (0,6 ml di acqua per grammo di glicidi, 1,9 ml per grammo di grassi e 0,44 ml per grammo di proteine).

  •     La perdita di liquidi avviene attraverso l’urina, le feci, la sudorazione e la respirazione e la <perspiratio insensibilis>.

 

 

 

    Perpiratio Insensibilis

 

 

 

Attività fisica e perdite idriche

 

Il sudore umano contiene essenzialmente sodio, cloro, potassio, magnesio. Inoltre modeste quantità di rame, ferro, vitamine, ormoni, urea, creatinina, aminoacidi, acido lattico, glucosio. Le perdite idriche dovute ad attività fisica vanno sempre reintegrate. In questo modo si evita l’eccesso di concentrazione di composti inorganici (sali e ioni) tra le cellule. Infatti i reni, in assenza di acqua sono costretti a concentrare urea e sali da eliminare.

  •     Con l'1,5-2% di perdita idrica del totale necessario entra in azione il meccanismo della sete e si abbassa significativamente la capacità di prestazione. (Pertanto è consigliabile anticipare il senso di sete bevendo frequentemente ed a piccoli sorsi bevande leggermente dolcificate, spremute di frutta 150-250 cc. ogni 15-20 minuti in condizioni ambientali di tipo estivo e 50-100 cc. in condizioni ambientali invernali. )

  •     Una carenza del 3% di acqua determina la cosiddetta "soglia di disidratazione".

  •    Intorno al 4-5% di deficit si evidenziano disturbi come mal di testa, irritabilità, stanchezza, vertigini, crampi muscolari e aumento della frequenza cardiaca. La prestazione fisica si abbassa del 20-30%.

  •     Andando oltre, intorno all'8-10%, si va incontro al "colpo di calore".

Quindi la reintegrazione, anche durante lo svolgimento dell’attività fisica, riveste un ruolo importante e preventivo.

 

 

 

 La reintegrazione idrica e salina

Ad eccezione dell’acqua, tutte le bevande rientrano nella categoria degli alimenti, in quanto forniscono calorie che derivano dai dolcificanti disciolti.

  •     Va anche rilevato che la perdita di sali minerali nell’atleta subisce il fenomeno dell’adattamento, per cui nel tempo questa perdita tende a diminuire.

  •     Non bisogna bere molto nè bere alcune decine di minuti prima dell’esercizio fisico, in quanto diminuisce il rilascio dell’ormone adiuretina da parte dell’ipofisi e si favorisce l’eliminazione con le urine della gran parte di acqua bevuta.

  •     Bere pochi minuti prima e durante esercizio fisico inibisce la diuresi permettendo un risparmio di acqua necessaria alla termoregolazione. Un impegno che non supera l'80% del VO2 max incide in maniera modesta sull'assorbimento di liquidi, elettroliti e glucosio. La normale dieta, se bilanciata e ricca di frutta, verdura, legumi, latte e suoi derivati, soddisfa pienamente le necessità di reintegro di acqua e minerali persi, specialmente sodio e cloro (Tabella).

 

Minerale

Fonti naturali

Sintomi da carenza

Sintomi da eccesso

Sodio

Sale comune da cucina (cloruro di sodio), nelle carni, brodi ristretti, pesci di mare, latte, latticini, formaggi, pane, legumi. Nella frutta e verdura è scarsamente presente. Inappetenza, apatia, astenia, crampi muscolari. Ritenzione idrica nei liquidi extracellulari provocando edema e innalzamento della pressione del sangue (ipertensione). Nel tempo possono sopravvenire complicazioni renali.

Coro

Sale comune da cucina (cloruro di sodio), carne, pesce, latte, formaggi, legumi. Vomito, diarrea, sudorazione continua e abbondante, disfunzioni renali. Ipertensione arteriosa in quanto interagisce con il sodio.

Potassio

Verdura e frutta fresca in genere, frutta secca, germogli di soia, cereali, castagne, mandorle, carne, fegato, pesce, uova, latte. sonnolenza, confusione mentale, nausea, inappetenza, alterazione del ritmo cardiaco. Pesantezza agli arti inferiori, formicolio al viso e alle mani, debolezza muscolare. Si può arrivare anche all'arresto cardiaco.

Magnesio

Granaglie, cereali integrali, frutti oleosi, alimenti ricchi di fecola, vegetali a foglia verde, frutta secca, banane, cioccolato. Quantità ridotte si ritrovano nella carne, latte, uova e pesce. Ansia, depressione, palpitazioni, irritabilità, astenia, stanchezza, crampi muscolari. intossicazione, nausea, vomito, vertigini.

Calcio

Latte e derivati, radici, cavoli, verdure e frutta in genere, cipolle, legumi secchi, noci, acqua. In modesta quantità è presente nelle carni e pesci. Decalcificazione ossea (osteomalacia, osteoporosi), rallentamento della crescita, ipereccitabilità muscolare e convulsioni, crampi muscolari, ipertensione. Derivante soprattutto da errata somministrazione di vitamina D, può determinare patologie renali come la calcolosi e la nefrocalcinosi.

 

 

Bilancio idrico

(Uomo adulto, attività moderata, temp. 18°-20° C.)

 

Percentuale di acqua presente nei più comuni  alimenti

Perdita di ioni minerali su 4 litri di sudore

con riduzione del 5,8% del peso corporeo

(Costill D.L. 1990)

 

Entrate

Uscite

Bevande cc. 1200

Alimenti cc. 1000

Ossidazioni cc. 300

Rene (urine) cc. 1500

Cute (sudore) cc. 600

Vie aere cc. 300

Intestino (feci) cc. 100

 

Verdure in genere

Latte

Frutta in genere

Pesci

Patate

Pasta asciutta

Uova

Carni crude

Pane

Emmental, parmigiano

Burro

Pasta, riso, fagioli secchi

Zucchero e olio

95-90%

90-80%

90-80%

85-50%

78%

75-65%

74%

70-65%

40-35%

35-30%

17-15%

12-10%

0%

Sodio (Na+) - 5%

Cloro (Cl-) - 7%
Potassio (K+)  -1%
Magnesio (Mg++) - 1%

 

 

 

Solo con una perdita di sudore che oltrepassa i 2,5 litri si pone il problema di un reintegro di acqua contenente minerali aggiuntivi.  La bevanda ideale dovrebbe avere la temperatura ottimale di 4-10° C, temperatura che ne riduce anche la permanenza nello stomaco ed:

  • -     essere ipotonica, ovvero contenere una bassissima concentrazione di sali disciolti (anche il sudore è ipotonico). Una bevanda ipotonica lascia lo stomaco più rapidamente. Solitamente è sufficiente una quantità di 0,5 grammi di cloruro di sodio (NaCl), il sale da cucina. La presenza di sodio, potassio e glucosio facilita l'assorbimento idrico. La presenza di sodio facilità anche l’assorbimento del glucosio. Una concentrazione elevata di elettroliti influenza negativamente la sudorazione e il volume del sangue;

  • -     non essere gassata. L’anidride carbonica dilata le pareti gastriche;

  • -     non essere ghiacciata (4-10° C). Se troppo fredda arresta momentaneamente l'afflusso sanguigno alle mucose del cavo orale e faringeo e come reazione il sangue riaffluisce in maniera maggiore sugli stessi tessuti dando nuovamente sensazione di sete. Inoltre provoca un afflusso del sangue nel distretto epigastrico impoverendone gli altri organi, con pericolo di congestioni.

  • -     non essere zuccherata o esserlo leggermente (2,5-3%). Un contenuto zuccherino eccessivo rallenta i tempi di assimilazione della bevanda e reinnesca il meccanismo di sete continua.

 

  In condizioni ambientali temperate o fredde, dove la perdita di sudore è nettamente più bassa, va data la priorità al reintegro glucidico (6-7%) in modo da favorire il ripristino delle scorte energetiche.

  •     Secondo Coyle entro 30 minuti dal termine dell'impegno fisico andrebbero somministrati 50-100 grammi di zuccheri per proseguire con ulteriori apporti a scadenza di 2 ore fino ad un totale di 500-600 grammi nell’arco delle successive 20 ore.

  •     Lo stesso Coyle consiglia glucosio, saccarosio e amidi rispetto al fruttosio. Infatti i primi sarebbero in grado di risintetizzare il glicogeno muscolare in ragione del 5-6% ogni ora, mentre il fruttosio si limiterebbe al 2% circa.  

  •     Comunque, l'aggiunta del 2-3% di fruttosio sembra acceleri lo svuotamento gastrico.

  Al termine dell'esercizio fisico i centrifugati di frutta e verdura (anche macedonia), addizionati con un poco di sale da cucina, costituiscono un ottimo mezzo di recupero.

  •     Vanno somministrati a intervalli di 20-30 minuti in ragione di circa 200 cc.

  •     Va tenuto presente che dopo un esercizio fisico intenso occorrono circa 20 ore per ricostituire le scorte di glicogeno muscolare (viene ricostituito mediamente del 5% ogni ora dopo lo sforzo) e nelle prime due ore la velocità di resintesi del glicogeno è maggiore.

 

 Data  ultimo aggiornamento della pagina :19/08/2018

 

 

 

 

 

 

Home

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Verifica qui

Potete inviare a mangeli@yahoo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14/15/16/17/18 - Dott. Marcello Costa Angeli - H. San Gerardo - Monza - Tel. 039 233.3566
Ultimo aggiornamento web in data :
sabato 20 ottobre 2018
Home Mappa del sito CPVT Disclaimer L'ospedale S.G. Come contattarmi Testimonianze eritrofobia Testimonianze iperidrosi